Gusti-Bus

GustiBus: “u strattu” di pomodoro

Questa volta il GustiBus non ci porta in una zona precisa della Sicilia, ma quasi indietro nel tempo, nelle campagne assolate della regione, in compagnia delle nostre mamme e nonne: stiamo parlando di quella che, più che essere una ricetta, è una sorta di “stato d’animo” dell’estate siciliana, u strattu di pomodoro.

U strattu, o estratto, non è altro che il concentrato di pomodoro, derivante dalla salsa di pomodoro lasciata evaporare in modo tale da ottenere una pasta densa e saporita, estremamente versatile in cucina. Si tratta di una delle conserve più antiche della Sicilia, la cui preparazione è una vera e propria arte, un rituale di famiglia estivo, a cui partecipavano grandi e bambini.

La preparazione dello strattu avviene nel periodo della preparazione della salsa di pomodoro fatta in casa: una parte di questa veniva “esonerata” dall’imbottigliamento e stesa nelle “maidde”, tavole di legno da esporre al sole, e periodicamente rimescolata in modo tale da permettere un’essiccazione uniforme. La procedura durava (e dura tutt’ora!) circa tre giorni, ma la fatica veniva ricompensata dalla bontà di questo prodotto da utilizzare poi durante tutto l’anno, una volta conservato in barattoli sterili.

Forse non tutti sanno che il concentrato è alla base delle ricette della maggior parte della cucina tradizionale siciliana, come base rossa per cotture di sughi o portate a base di carne o di verdure, come nel caso della caponata.

Fratello dello strattu è il “capuliato”, tipico della zona del ragusano, consistente in una sorta di pesto di pomodori secchi finemente triturati conditi con aglio e peperoncino, da utilizzare per condire la pasta, sulle bruschette o sulla focaccia.

Per chi non potesse rivivere l’esperienza estiva della tradizione sicula, è possibile assaggiare “u strattu” approfittando delle varietà in commercio sia nella grande distribuzione sia nelle botteghe tipiche ancora presenti in tutta l’isola, un souvenir per poter portare con sé la Sicilia anche di ritorno dal proprio viaggio.

Condividi

Related Posts

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook

Google+

Newsletter

RESTA AGGIORNATO