Appunti

La Pasqua in Europa, le tradizioni più originali

Oltre ad essere una festività dall’impronta fortemente religiosa, la Pasqua è un’occasione per concedersi una piccola vacanza: quest’anno, invece, vi accompagniamo noi in un viaggio in giro per l’Europa, alla scoperta delle tradizioni di Pasqua più curiose e originali.

Partiamo dalla Finlandia, dove il sacro si lega a doppio filo con le leggende del luogo: secondo la credenza popolare, infatti, il sabato prima della Pasqua è il giorno in cui gli spiriti maligni e le streghe cominciano a vagare indisturbati tra i boschi e le vie delle cittadine, motivo per cui, ad oggi, la tradizione vuole che si debbano accendere grandi falò per tenerli lontani. Durante la domenica di Pasqua, invece, avviene la caccia alle uova che, a differenza di molti altri paesi, avviene al chiuso, in quando il clima freddo e nevoso ancora non permette giochi all’aria aperta.

A proposito di uova, in Romania durante il periodo pasquale si tiene la vera e propria “Battaglia delle uova”, dove tutti i membri della famiglia si sfidano in una gara consistente nello sbattere le uova sode l’una contro l’altra: l’uovo con il guscio più duro vince e il proprietario dell’uovo perdente dovrà mangiarsi tutte le uova rotte.

Anche in Francia il tema delle uova è protagonista di un’usanza curiosa: tra i paesi del sud , in occasione della Pasqua si prepara una frittata gigante, che secondo tradizione può raggiungere quasi le 1000 portate. Questa particolare ricorrenza deriva dalla leggenda secondo cui Napoleone, fermandosi in quella zona, mangiò una omelette così buona da ordinarne per il giorno successivo una gigantesca per tutto il suo esercito.

Di tutt’altro genere è invece la particolare tradizione del Regno Unito della “Morris Dance”, che avviene la domenica di Pasqua: questo ballo, di origine medievale, prevede che gli uomini danzino con dei costumi tradizionali tenendo in mano dei bastoni culminanti con una vescica di maiale, colpendo dolcemente con questi le ragazze che incontrano, come segno di buon auspicio.

Condividi

Related Posts

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook

Google+

Newsletter

RESTA AGGIORNATO