Gusti-Bus

GustiBus: pane e panelle

Re dello street food palermitano, icona del pranzo fuori porta: oggi il nostro GustiBus ci porta a scoprire le origini di pane e panelle, lontane più di mille anni!

Come abbiamo ampiamente avuto modo di vedere, la maggior parte delle ricette tipiche siciliane hanno origini dalla dominazione araba e le panelle non solo da meno: già durante il IX secolo gli arabi cominciarono a macinare i ceci per creare una farina da impastare con acqua e aromi, non particolarmente gradevole al gusto ma altamente sostanziosa, dunque indispensabile per l’alimentazione della popolazione meno abbiente.

Bastò poco tempo per scoprire che tale impasto, sotto forma di sottile sfoglia da cuocere a fuoco molto alto, o da friggere, poteva generare qualcosa di estremamente gustoso e indimenticabile, le panelle! Non a caso tale ricetta è arrivata fino ai giorni nostri, consacrando non solo un piatto tipico, che in abbinamento al pane diventa il cibo da strada per eccellenza, ma anche una professione, quella del “panellaro”, ognuno detentore della propria personalissima ricetta.

Posto agli angoli delle strade, con il suo carretto dotato di casseruola piena di olio fumante e montagne di pane fresco, il “panellaro” vendeva (e vende tutt’ora) le sue squisitezze a giovani e anziani, a ogni classe sociale e persino a clienti illustri come Pirandello, Sciascia e Guttuso.

Sebbene qualsiasi momento della giornata, e dell’anno, sia ideale per un “coppo” con le panelle, queste vengono mangiate per tradizione il giorno di Santa Lucia, anche nella versione dolce con ricotta e zucchero a velo.

Esperienza fondamentale per i turisti in visita a Palermo, il panino con le panelle viene spesso abbinato ad un’altra delle prelibatezze tipiche palermitane, le crocchè di patate e, per i più audaci, anche alle melanzane fritte, in un tripudio di bontà tutta siciliana

Condividi

Related Posts

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook

Google+

Newsletter

RESTA AGGIORNATO