Gusti-Bus

GustiBus: le leggendarie origini della Pasta alla Norma

Oggi il nostro GustiBus si ferma nell’area del catanese, parlandoci di uno dei piatti più celebri della tradizione Siciliana: la pasta alla Norma!
Simbolo del calore della terra sicula, con il suo pomodoro fresco, le melanzane dorate e la ricotta salata, anche la pasta alla Norma ha una sua specifica origine che, come accade spesso per i piatti siciliani, risulta ricca di curiosità e leggende.

Le origini della pasta alla Norma vengono infatti attribuite a due leggende diverse tra loro, ma entrambe facenti riferimento alla celebre opera lirica di Vincenzo Bellini, compositore catanese. Secondo una prima leggenda, la ricetta venne servita per la prima volta in occasione della cena del debutto dell’opera, il 26 dicembre del 1831, e venne chiamata così proprio in onore della protagonista principale; un’altra tradizione, invece, fa risalire il nome ad un pranzo del 1920 quando il commediografo catanese Nino Martoglio esclamò “chista è ‘na vera Norma!”.

In entrambi i casi, il battesimo della celebre ricetta siciliana è associato a qualcosa di sublime, come un’opera lirica, ed in effetti è impossibile dar torto a questa considerazione: la pasta alla Norma è stata, ed è tutt’ora, uno dei piatti protagonisti delle tavole siciliane da generazioni, conquistando progressivamente tutto lo stivale.

Se, per gli altri piatti passati in rassegna nella nostra rubrica, abbiamo individuato delle varianti tipiche di una specifica area della regione, per la pasta alla Norma la ricetta originale è rimasta intatta nel corso degli anni: unica piccola deroga, accettata quasi a malincuore dai puristi, riguarda il taglio della melanzana, che andrebbe effettuato a fettine ma che, molto spesso, è possibile trovare anche a cubetti.

Ricca di gusto, di carattere e di colore, la pasta alla Norma è un vero e proprio ritratto del popolo siciliano e della loro terra, un piatto che va assolutamente assaggiato durante un viaggio in Sicilia.

Condividi

Related Posts

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook

Google+

Newsletter

RESTA AGGIORNATO