Appunti
Il teatro di pietra fra le montagne di Santo Stefano di Quisquina

Il teatro di pietra fra le montagne di Santo Stefano di Quisquina

Quella del Teatro Andromeda è una “storia semplice”. Così perlomeno la definisce il suo creatore Lorenzo Reina. Siamo a Santo Stefano di Quisquina (uno dei paesi raggiunti dal nostro servizio di corriera, per info clicca qui), o per meglio dire nel territorio di questo piccolo paese siciliano in provincia di Agrigento. Lorenzo Reina è nato e cresciuto qui e, poiché suo padre lo voleva pastore, ha passato la metà della sua vita a pascolare le greggi, percorrendo i monti che incorniciano il paese. Proprio osservando gli sconfinati panorami che si aprivano al di là dei pascoli, Lorenzo Reina ha trovato l’ispirazione per creare il suo teatro, un luogo in cui le persone potessero riunirsi per lasciarsi circondare dall’energia positiva di questi luoghi.

La costruzione è stata avviata negli anni Ottanta, per il nome Lorenzo Reina ha trovato ispirazione in un articolo scientifico in cui si scriveva dell’impatto fra la Costellazione di Andromeda e la Via Lattea fra due miliardi e mezzo di anni. Così le 108 stelle della costellazione si specchiano in questo frammento di terra.
Un luogo assolutamente magico, del quale pochi sapevano ma che via via sta diventando più popolare, tanto che adesso è possibile prenotare una visita guidata (chiamare 388 1203296 o 328 7671914) o acquistare i biglietti per gli spettacoli, il cui calendario è pubblicato sul sito del teatro. Inoltre, dopo la rappresentazione, è possibile fermarsi per una cena leggera con schiacciate cotte sul fuoco e accompagnate da ricotta fresca, vino, prodotti dell’orto. Il teatro si trova in Contrada Rocca, se non avete voglia di guidare fin là potete prendere a noleggio uno dei nostri bus.

Foto: www.teatroandromeda.it

Condividi

Related Posts

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook

Google+

Newsletter

RESTA AGGIORNATO