Appunti
Conoscere Ballarò attraverso gli occhi di dieci fotografi

Conoscere Ballarò attraverso gli occhi di dieci fotografi

Il quartiere dell’Albergheria è uno dei più multietnici di Palermo. Intorno al mercato di Ballarò, che ne è il cuore, vivono decine di etnie, persone provenienti da ogni parte che in questa antica zona di Palermo hanno trovato casa e lavoro e grazie alle quale si perpetua la filosofia dell’accoglienza e la multiculturalità che da sempre caratterizza la nostra città. Così fra i banchi della frutta e del pesce occhieggiano le botteghe di spezie esotiche e la clientela del mercato è fra le più variegate, mentre le antiche chiese stanno fianco a fianco con la moschea.

Proprio questa zona della città è protagonista degli scatti dei dieci fotografi che partecipano alla collettiva Ballarando, che si inaugura oggi alle 18 nel Chiostro del Convento Carmelo Maggiore dei Frati Carmelitani (via Giovanni Grasso 13). Una cornice eccezionale, piena di fascino, all’interno della quale dare vita a un’iniziativa altrettanto magica. Come del resto è la fotografia, capace di regalare emozioni e farci immergere in un mondo pieno di mistero.
In questo gioiello architettonico, il più grande e più importante tra gli altri cinque conventi carmelitani esistiti in città, si potranno vedere gli scatti di Fabio Artusi, Paolo Barbera, Marcello Cataliotti, Salvo Cracchiolo, Marina Galici, Victoria Herranz, Antonio Melita, Girolamo Perna, Nino Pillitteri e Luisa Vazquez, fotografi che peraltro saranno presenti all’opening di questo pomeriggio, accompagnata dalle musiche di Giacco Pojero e Nino Vetri.

La mostra si potrà visitare dal 22 al 24 giugno, il 29 e 30 giugno e l’1 luglio, dalle 9 alle13 e dalle 15 alle 20. Ingresso libero.

Condividi

Related Posts

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook

Google+