Appunti
Cinque spiagge da non perdere nella Sicilia occidentale

Cinque spiagge da non perdere nella Sicilia occidentale

In questi che per molti sono gli ultimi giorni di vacanza, vogliamo consigliarvi cinque splendide spiagge dove trascorrere una giornata di sole e mare. Se siete in tanti, naturalmente, potete considerare la possibilità di viaggiare tutti insieme, prendendo un pulmino a noleggio.

Cala Tonnarella dell’Uzzo

Cala Uzzo

Questa piccola baia si trova all’interno della riserva naturale dello Zingaro. Per raggiungerla occorre camminare un po’ lungo i sentieri della zona protetta, fra ciuffi di palme nane e rigogliosa vegetazione mediterranea, e per questo, a parte magari qualche fine settimana di agosto, non è mai troppo affollata. La spiaggetta non è molto grande, in compenso è incantevole e il mare che la bagna pulitissimo e trasparente. Non dimenticare di portare un po’ d’acqua e, se la vuoi, la merenda: questo è un luogo selvaggio.

Santa Margherita

Santa Margherita

Meno famosa della spiaggia sabbiosa di San Vito ma, anche per questo, preferita da coloro che cercano un posto un po’ più tranquillo, la costa che si allunga dal Monte Cofano fino a Capo San Vito – la cosiddetta baia Santa Margherita – è essenzialmente rocciosa, con piccole insenature come le due calette Agliareddi, di ciottoli bianchi; la Calazza, con le lingue di sabbia inframmezzate a rocce; lo Scaru zu Asparu e lo Scaru Brucia; l’Isulidda e il Bue Marino.

Porto Palo di Menfi

Porto Palo di Menfi

Il mare della frazione di Porto Palo di Menfi anche quest’anno è stato premiato con la Bandiera Blu, la ventunesima! Il riconoscimento viene assegnato dalla Fee (Fondazione internazionale per la salvaguardia dell’ambiente) alle località europee che brillano per la pulizia delle acque e per i servizi in spiaggia. Un ottimo motivo per scegliere proprio questa spiaggia, o nella parte proprio a ridosso delle casette di Porto Palo o a Lido Fiori, bella distesa sabbiosa con tanto di dune. Da non trascurare la ricchezza enologica di questa zona, culla di vini prestigiosi.

La spiaggia alla foce del fiume Belice

Spiaggia alla foce del fiume Belice

Non lontano dall’area archeologica di Selinunte si trova la spiaggia di Marinella… ma non è questa la nostra destinazione! Continuando lungo la costa, in direzione est, si arriva all’ingresso della riserva naturale foce del Fiume Belice. Si cammina un po’ e si discende una scalinata: il premio è una spiaggia lunga, di sabbia dorata. Da principio, anche per la presenza di un frequentato ristorante di pesce, la spiaggia può essere affollata, ma basta camminare un poco per ritrovarsi da soli in riva al mare. La foce del fiume, che scorre fra due alte pareti vegetali di canne, è a circa un chilometro, fra le dune.

Torre Salsa

Torre Salsa

Ancora una lunga spiaggia sabbiosa, orlata di vegetazione e dominata da falesie bianche di gesso, modellate dal trascorrere del tempo, dal vento e dalla pioggia. L’intera area è un’oasi WWF, istituita per proteggere l’integrità di questa parte di costa, ancora abbastanza pulita e tranquilla da poter ospitare i nidi delle tartarughe. L’ambiente è molto bello e selvaggio, con mare pulito – e un po’ freddo! – e tranquillità assicurata.

Condividi

Related Posts

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

Facebook

Google+