Appunti
Visita la Sicilia a piedi (e un po’ in bus)

Visita la Sicilia a piedi (e un po’ in bus)

Anche la Sicilia ha la sua via Francigena: il percorso dei pellegrini che dalla Francia si spostavano a piedi fino a Roma ha un degno pendant nella nostra isola, vale a dire l’itinerario che collega Palermo ad Agrigento. Si tratta di una direttrice utilizzata fin dall’età arcaica per collegare la costa sud della Sicilia con quella nord e che pertanto, lungo tutto il suo percorso, mostra i segni del passato millenario della regione. Si viaggia nella natura ma anche nella storia e nelle tradizioni, e si ha la possibilità di entrare in contatto con chi vive in questo territorio (e di gustare l’ottimo cibo preparato con le materie prime locali).

Il cammino di Sicilia – Magna Via Francigena from AVENIR Video & Photography on Vimeo.

La prima tappa si dipana da Piana degli Albanesi a Santa Cristina Gela e per raggiungere il punto di partenza il consiglio è utilizzare i nostri mezzi (qui gli orari): in questo modo si risparmiano diversi chilometri di asfalto. Prima di avviarsi, si può fare una breve visita alla cittadina, la più grande dell’eparchia albanese in Sicilia, sorta nel XV secolo quando un gruppo di coloni albanesi si rifugiò in Sicilia dopo decenni di inutile opposizione all’occupante ottomano. Gli abitanti di Piana e di Santa Cristina condividono le origini greco-albanesi, una lingua misteriosa e affascinante ancora oggi utilizzata, una passione per i dolci sopraffini e tra questi i cannoli sono famosi e rinomati in tutta la Sicilia.
La traccia lascia l’abitato di Piana e dopo due chilometri si immette in un sentiero sterrato che giunge all’abitato di Santa Cristina in circa tre chilometri.
Il percorso è illustrato qui: www.magnaviafrancigena.it . C’è anche un’applicazione, per IOS e Android, con le mappe e i punti di interesse.

Condividi

Related Posts

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

Facebook

Google+