Appunti
Una gita per Pasqua

Una gita per Pasqua

La Pasqua è senza dubbio una delle feste più amate dai siciliani. Basta vedere la quantità di celebrazioni che vengono organizzate da un capo all’altro dell’isola per rendersene conto. Eccovi allora tre suggerimenti per scegliere la destinazione per una gita pasquale.

Prizzi

L’evento pasquale di questo piccolo paese fra le montagne a sud di Palermo prende il nome di Ballo dei Diavoli ed è uno degli appuntamenti in cui sono maggiormente evidenti gli aspetti antropologici che sono alla base della festa religiosa cristiana, vale a dire la lotta fra il Bene e il Male, la Vita e la Morte. Quest’ultima scende in campo di persona, per così dire, nel tentativo di impedire il ricongiungimento fra Cristo risorto e la Madonna, momento culminante della domenica. Ma prima di frapporsi fra i due – rappresentati da statue portate a spalla dai fedeli – dà vita, insieme ai “diavoli”, a un pittoresco “balletto” per le vie del centro storico, cercando di “spaventare” i presenti. All’effetto pauroso contribuisce il costume, di un livido color giallo, e la maschera di cuoio, dalla quale sporgono lunghe zanne. I diavoli non sono da meno: vestiti di rosso porpora, portano un’orrida pelliccia animale sulla testa e una grande maschera ghignante e munita di corna sul volto, dalla quale sporge la lingua. Facendo tintinnare inquietanti catene di ferro non esitano ad afferrare gli spettatori che capitano loro a tiro, anche arrampicandosi sui balconi gremiti di pubblico. Nel pomeriggio, nella piazza principale, ha luogo l’incontro. Dopo alcuni tentativi che vanno a vuoto, i simulacri di Gesù e la Madonna riescono finalmente a toccarsi e a bloccare i diavoli e la morte che vengono trafitti dagli angeli che, con elmi e spade, sono posti a difesa del Bene.

Piana degli Albanesi

La celebrazione della Pasqua può essere l’occasione per rispolverare antiche tradizioni. Le donne di Piana degli Albanesi, ad esempio, domenica tirano fuori dagli armadi i bellissimi vestiti tipici della comunità di origine balcanica, un trionfo di velluti, pizzi e seta convenientemente accessoriato con monili di squisita fattura. Dopo il solenne pontificale di rito bizantino – una celebrazione assai diversa da quella a cui siamo abituati – le donne sfilano cantando in processione lungo il corso principale e fino alla piazza centrale. Qui, sempre accompagnandosi con canti, donano ai presenti uova dipinte di rosso, simbolo di rinascita, secondo una tradizione che viene ripetuta da secoli.
Con l’occasione non si può prescindere dall’acquistare i classici, grandi cannoli colmi di ricotta: sul corso ci sono diversi bar – pasticceria dove fare rifornimento. Consulta qui gli orari dei nostri bus per andare a Piana degli Albanesi.

Terrasini

Ancora diversa la celebrazione della Pasqua a Terrasini. Qui infatti la domenica di Pasqua si svolge la caratteristica festa degli “schietti”, gli scapoli che, per conquistare il cuore della donna amata, si cimentano nel sollevamento di un albero di arancio riccamente addobbato. La manifestazione inizia alle 9,30 del mattino con il giro dell’albero per le vie del centro storico fin sotto i balconi delle fidanzate, dove gli uomini lo sollevano con una sola mano, a dimostrazione della propria potenza fisica. A partire dalle 15,15 gli uomini si sfidano in piazza Duomo. Infine, dopo un spettacolo in piazza (quest’anno a esibirsi Sasà Salvaggio e i Tinturia), alle 24 si potrà assistere a uno spettacolo di fuochi d’artificio (villa a mare). C’è anche un prologo, sabato 15, con la sfilata dei carretti siciliani (dalle 14) e la decorazione degli alberi (dalle 18,30 in contrada Serra).

Condividi

Related Posts

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

Facebook

Google+