Appunti, Notizie
Palermo multiculturale

Palermo multiculturale

Celebrazione dell’anima multietnica e multiculturale di Palermo, la Biennale Arcipelago Mediterraneo, promossa dall’Assessorato comunale alla Cultura, si svolgerà a Palermo da domani al 12 marzo. Un ponte tra il Mediterraneo e il resto del mondo, BAM è un festival di teatro, musica e arti visive dedicato ai popoli e alle culture del Paesi che si affacciano sul mare, con lo scopo di favorirne e promuoverne il dialogo e, nello stesso tempo, valorizzare e tutelare il patrimonio artistico e culturale nelle sue molteplici espressioni.
Il programma è dunque intenso e articolato, e inizia domani (10 febbraio) con l’inaugurazione di un focus sull’artista egiziano Wael Shawky, primo appuntamento di “Punte brillanti di Lance” progetto nato dall’incontro tra la Fondazione Merz, la Fondazione Sicilia e il Comune di Palermo. Lo spazio scelto si trova fra la chiesa SS. Euno e Giuliano, a piazza Magione (appena recuperata, torna alla vita e mostra una sconosciuta cripta e un ancora più nascosto, ambiente ipogeo adibito a essiccatoio) – e l’antico Monte di Pietà di Palazzo Branciforte.

La prima Biennale Arcipelago Mediterraneo si muoverà tra oltre 15 spazi diversi, accoglierà quattro grandi installazioni, spettacoli di teatro internazionale e musica che giocheranno sulle contaminazioni: dalla libanese Zouzak Theater Company alla prima opera dei Radiodervish sui conflitti a Gerusalemme fino alle “Invasioni” del teatro Nèon che si è stretto a Mustafà Sabbagh per una produzione dal fortissimo impatto artistico ed emotivo, insieme per fare della diversità, una ricchezza. Le Vie dei Tesori condurranno alla scoperta di dieci luoghi della città, aperti in notturna: passando sotto vere “porte di luce”, il pubblico sarà coinvolto in concerti, istallazioni e videomapping

Due grandi maestri del movimento, Virgilio Sieni e Mimmo Cuticchio rinnoveranno il loro incontro, e affronteranno il tema del Vangelo, coinvolgendo cittadini, performer, pupi, luoghi, in un progetto in prima assoluta. Molto cinema e moltissimi documentari, con focus approfonditi su tematiche e linguaggi dai Paesi del Mediterraneo, e su registi italiani (De Seta, Rossellini) e stranieri, dal forte impegno sociale come l’algerino Tariq Teguia, che sarà presente alla sua retrospettiva. Divise in sezioni, le conferenze di ARCIPELAGO apriranno uno squarcio su temi importanti: conflitti, arte, patrimonio, radici, letterature, Europa. E ancora grandi mostre come quella che sarà inaugurata il 18 febbraio presso il padiglione ZAC dei Cantieri della Zisa, parte del progetto no profit di arte contemporanea Imago Mundi – Luciano Benetton Collection, dedicato al Mare Nostrum: A Palermo sarà presentata parte della collezione e, in prima mondiale, la raccolta dedicata alla Sicilia, Identità siciliane, Contemporary Artists from Sicily, 220 opere diverse che hanno in comune l’aspirazione alla libertà espressiva, la capacità di sorprendere, la volontà di non restare fermi.

Per conoscere iniziative ed eventi si può seguire la pagina Facebook dedicata all’evento facebook.com/bamfestival2017

Condividi

Related Posts

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

Facebook

Google+