Appunti
Palermo by night si vive all’aperto

Palermo by night si vive all’aperto

Uno degli indubbi vantaggi di Palermo rispetto ad altre grandi città italiane è la mitezza del clima che consente di vivere all’aperto gran parte dell’anno, anche nelle ore serali e fino a tardi. Ben lo sanno i proprietari di pub e ristoranti che facilmente possono avere assai più clienti di quanto la capienza del locale permetterebbe: basta infatti apparecchiare i propri tavoli all’aperto. In questo sono stati indubbiamente facilitati dall’istituzione di varie isole pedonali piccole e grandi che consentono una migliore fruizione del centro storico.
Ecco, per i nostri ospiti a Palermo – ma anche per i palermitani! – cinque consigli per passare una bella serata all’aperto.

Calamida

Calamida

Sulla banchina della Cala, l’antico porto di Palermo divenuto un luogo attrattivo grazie alla riqualificazione operata qualche anno fa dall’Ente Porto, è un locale rivolto soprattutto a un pubblico giovane (anche se, grazie agli spazi di cui dispone, va benissimo anche per piccole occasioni familiari o aziendali). Aperto fin dall’ora di pranzo, quando è frequentato dai tanti che desiderano gustare cucina siciliana in versione easy in un ambiente informale, si riempie per l’aperitivo, la cena e il dopocena, anche grazie agli eventi che vi vengono organizzati. Incorniciati dai pennoni di velieri e pescherecci, i tavolini sono sempre gremiti!

Antica Focacceria San Francesco

Antica Focacceria S. Francesco

Storico locale cittadino, con quasi due secoli di vita può ben definirsi un luogo iconico. Nella bella stagione, i tavolini vengono sistemati nella bella piazzetta antistante l’ingresso, ai piedi della monumentale chiesa di San Francesco a cui a suo tempo ci si ispirò per il nome. Alle focacce ca’ meusa, in versione schietta e maritata, si sono aggiunte via via non solo tante altre specialità dello street food palermitano come le arancine e lo sfincione, ma anche una buona scelta di piatti tipici, dalla pasta con le sarde alla bistecca panata.

La “via” del centro

Ai chiavettieri

Non è propriamente un locale ma tanti: la via Chiavettieri e la via Bottai che, una dirimpetto all’altra, tagliano in diagonale la via Vittorio Emanuele all’altezza della graziosa piazzetta Garrafello, sono piene di pub, uno in fila all’altro a cominciare dai due – Ai Chiavettieri e Ai Bottai – che portano il nome delle vie medesime. Qui c’è sempre gente, senza distinzione fra giorni feriali e festivi e l’offerta, vista la quantità di locali, è naturalmente varia. Spesso ospitano l’esibizione live di artisti locali.

FUD

Fud - Palermo

In una delle piazze più amate dal pubblico giovane di Palermo, racchiusa fra lo storico museo archeologico, l’antica chiesa dei padri ignaziani e tanti bei vecchi palazzi, FUD è un locale originale e curato, costola dell’omonimo ristorantino catanese. Lo spazio all’aperto è ampio e abbastanza comodo, coperto per eventuali giorni di maltempo.
Si mangiano ottimi hamburger (non manca una scelta vegetariana) accompagnati dalla curata selezione di vini locali. L’ambiente è piacevolmente informale, con un servizio giovane e cordiale. Molto curata la scelta delle materie prime, con tanti presidi slow food.

Qvivi

Qvivi

Frequentato da un pubblico giovane e rumoroso, è il locale per chi vuole immergersi nella più frizzante movida palermitana. La location anche qui è una piazza, chiusa al traffico e utilizzata anche per l’allestimento di piccoli mercatini artigianali. Piazza Rivoluzione, ai margini della Kalsa, uno dei più antichi quartieri della città, è in effetti uno dei luoghi più apprezzati da chi vuole trascorrere qualche ora in compagnia. Qvivi mette a disposizione qualche tavolino su un lato della piazza, non manca un minipalcoscenico per l’esibizione live di artisti durante il weekend.

Condividi

Related Posts

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.Campi obbligatori *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook

Google+