Notizie

Notizie

Babbo Natale e le sue renne, assoluti protagonisti di questo periodo dell’anno, sono stati oggetto anche di una ricerca semiseria commissionata da CheckMyBus, il motore di ricerca d’autobus a lunga percorrenza leader nel mondo. In particolare si sono chiesti: cosa cambierebbe se Babbo Natale viaggiasse con un autobus a lunga percorrenza anziché con le renne?

Come ogni anno, Babbo Natale consegnerà i suoi regali ai bambini in tutto il mondo lasciandosi dietro una scia enorme di carbonio. Si presume che il carissimo Babbo Natale emetterà ben 16.057.156 di tonnellate di CO2 durante il suo viaggio, lungo 341 milioni di km per raggiungere i bambini più bravi nel suo giro del mondo. La renna Rudolph ed i suoi compagni di gruppo sono i principali “colpevoli” dell’alta emissione di carbonio di Babbo Natale. Secondo uno studio norvegese dell’Università di Tromsø, una renna emetterebbe 49,9 grammi di metano al giorno – seguendo una dieta ricca di licheni! Per la vigilia di Natale tireranno, però, una slitta piena di regali, che, presumendo che tutti i bambini abbiano fatto i bravi e che dunque riceveranno almeno un regalino, peserà all’incirca 290.000 tonnellate (compreso il peso di Babbo Natale che, con la sua dieta di latte e biscotti, non è propriamente un fuscello). A conti fatti, per fare il loro viaggio le renne emetterebbero 47 kg di CO2 a chilometro.
Considerando che con l’emissione di soli 0,535 kg di CO2 su 1 km l’autobus a lunga percorrenza è il mezzo di trasporto più eco-friendly e sostenibile in assoluto, consigliamo quindi anche a Babbo Natale di pensarci bene e dare una mano alla natura. In questo caso scegliere l’autobus anziché le renne sarebbe più conveniente. Infatti, se Babbo Natale viaggiasse veramente in autobus, ridurrebbe le emissioni di CO2 di ben 16 milioni di chili – paragonabile a 411 milioni di alberi di Natale. Piantare 411 milioni di alberi significherebbe coprire una superficie di 770.000 ettari, cioè 7.780 km², in pratica sei volte Roma.

Trovare l’infografica completa sul sito checkmybus.com

PS: Per calcolare quanto CO2 Babbo Natale potrebbe risparmiare viaggiando in autobus anziché con le renne, abbiamo moltiplicato il numero di km del suo giro del mondo (341 milioni di km) per la somma di CO2 a km emesso dalle renne, tirando la slitta di Babbo Natale, la quale pesa oltre 290.000 tonnellate e viaggia a 14,1 milioni di km/h. Abbiamo poi moltiplicato i chilometri che Babbo Natale dovrà lasciarsi alle spalle per consegnare tutti i regali per il valore medio dell’emissione di CO2 di un autobus a lunga percorrenza (0,1) elaborandone la differenza.

Appunti, Notizie

La scorsa domenica lo storico circuito delle Madonie ha ospitato gli eventi organizzati per celebrare la centesima Targa Florio. Magnifiche auto d’epoca si sono misurate in rally e gare a cronometro con tutta l’atmosfera della Belle Epoque. Abbiamo avuto il piacere di trasportare piloti e staff: ecco alcune delle auto partecipanti.

Leggi tutto

Azienda, Notizie

Per rendere ancora più semplice l’acquisto dei biglietti per i nostri pullman, nel 2012 abbiamo lanciato la nostra app Prestia e Comandè.

Leggi tutto

Notizie

Immobilismo: ecco una cosa di cui non possiamo assolutamente accusare la GESAP, la società che gestisce lo scalo aeroportuale di Palermo.

Leggi tutto

Notizie

La Settimana Europea della Mobilità Sostenibile è un’iniziativa della Comunità Europea e si svolge ogni anno dal 16 al 22 settembre. Lo scopo è incoraggiare le autorità locali europee a introdurre e promuovere mezzi di trasporto alternativi all’auto privata per gli spostamenti quotidiani nonché l’uso di mezzi di trasporto pubblico locale. Andare in bicicletta, ma anche semplicemente a piedi, è il miglior modo, soprattutto per chi vive in città, di ridurre le emissioni di gas climalteranti, l’inquinamento acustico e la congestione, senza dimenticare gli importanti riflessi sul benessere fisico e mentale di tutti.

Leggi tutto

Notizie

Si sa, la piaga più terribile che affligge la Sicilia, e in particolare Palermo, è il traffico. Nella celeberrima scena del film Johnny Stecchino in cui Roberto Benigni arriva nel capoluogo siciliano, un serissimo Paolo Bonacelli lo informa di questa disgrazia che affligge la città, mettendo “famiglia contro famiglia”.

Leggi tutto

Facebook

Google+